3 agosto 2007

Del perché è meglio avere un blog piuttosto che non averlo

C'è una ricca discussione in giro che origina da qui. Ognuno di noi può aggiungere qualcosa di suo, ma il concetto è chiaro.
E' sicuramente MOLTO meglio avere un blog piuttosto che non averlo. In certe circostanze un blog può cambiare anche la vita, ma è chiaro che dipende da noi e non dal blog. E' un modo di mettersi in gioco e di cominciare a comunicare. Una cosa che non è affatto necessaria, in teoria, ma risponde in realtà a un bisogno di primissimo piano, aprendo poi un fronte di bisogni di secondo livello, se è vero che con un blog si comunica "unilateralmente" la propria visione del mondo o di un evento e si attende, poi, che torni indietro qualcosa. Per chi lo scrive, il blog è meglio di qualunque partecipazione a un forum o a una community, perché tiene insieme il contenuto che si esprime e ne mostra tutte le sfumature. Anche, eventualmente, in negativo. Ma è una forma di comunicazione che ci fa "nodo" nel mare grande, non numero di un qualunque piccolo ambiente chiuso. Non è una responsabilità e nemmeno è una cartina di tornasole. E', piuttosto, un contributo, importante in quanto tale, che pesa il giusto. E soprattutto è un contributo alla propria crescita.
Con più tempo a disposizione ci torno, anche per raccontare quali cambiamenti abbia portato la scelta del blog e della partecipazione attiva a internet nella mia vita.

6 commenti:

Anonimo ha detto...

mah, io non mi sono trovata male...

Anonimo ha detto...

boh, sì, beh... a leggerli cercando disperatamente info su e polis si ha la sensazione di incontrare belle persone... e viene voglia di farsi conoscere...

facciamo così: quando epolis torna ad uscire apro il mio blog anche io!
gf

pancrazio anfuso ha detto...

fai un bel gesto propiziatorio, aprilo subito, magari porta bene

Anonimo ha detto...

La Rete ha esteso a dismisura i confini di ciascuno di noi: è come se disponessimo di mille piazzette, mille muretti, mille punti d'incontro. Quello che torna indietro, come in questi luoghi reali, è il nostro rapporto con il prossimo: la nostra vita.

L'importante, caro Pank, è dire qualcosa per il piacere di dirlo.

Saluti

Rob

Anonimo ha detto...

mi metto al lavoro, poi ti mando il link!

intanto continuo a leggerti, e buone vacanze!

gf

gf ha detto...

donna di parola sono...
e in bocca al lupo a e polis!

http://gattimancati.blogspot.com/