12 febbraio 2008

angese

Angese è morto, accidenti.
Lo conoscevo dai tempi delle medie. Non di persona, come tanti in giro, compreso andrea. Da lettore. Prima del Male, a occhio e croce. Disegnava delle cose squisitamente demenziali (avevo un diario in cui disegnò un otto che dice "mbre") ed era uno dei miei preferiti, soprattutto su Cuore. Lo vedevo ultimamente sulla Nazione, al bar. E mi chiedevo come mai, e com'erano andate le cose, e tutto il resto che ti chiedi quando t'imbatti in qualcosa a cui non pensavi più, ma che ricordavi con piacere. Le tavole in stile fumetto-finito-di-una-pagina erano esilaranti (ne ricordo alcune di craxi-martelli veramente fantastiche). Sulla rete ritrovo questa che ricordavo ancora. Era così.
R.i.p.



Nessun commento: