14 marzo 2008

DNews

Arriva un sacco di gente dai motors in cerca di DNews.
Ok, io ogni tanto ci scrivo una cosa, ne ho mandata una la settimana scorsa, ne ho pronta un'altra per i prossimi giorni e altre da qui all'estate. Chi c'è in giro che scrive su Dnews? Intanto c'è Gianni Cipriani, direttore responsabile. Poi Antonio Sofi, webgoleador. Chiara Lalli, Diletta Parlangeli, Federico Mello. E tanti altri, che ogni tanto citerò, per aggiornare la lista.

6 commenti:

Anonimo ha detto...

e' vero ci sono pochi link.... pare che ne parla solo chi ci lavora ao' non e' che c'e' molta scelta.... lol io per esempio sono arrivato qua perche' cercavo di sapere di piu' di questa storia su dell'utri scritta da mau qua.... http://xmau.com/notiziole/arch/200803/004025.html
ne sai niente tu che sei dentro?
ciauuz peppe

pank ha detto...

ho letto la notizia di mau, aspetto riscontri diretti. Dell'Utri entrò in Epolis, questo è l'unico fatto che conosco: la cosa ha creato non poco scompiglio. Dopodiché ha deciso di uscirne per motivi che è facile intuire, visto il passo serrato degli aumenti di capitale e l'assenza degli arretrati per chi collaborava al giornale (devo avere anch'io qualche spiccio che risale a un anno fa, immagino di non essere il solo). Insomma, un business che business proprio non era: intanto la situazione è fluida. Resta in piedi quel giornale e parte questo, con la stessa mano che li ha plasmati. Mi sembra per quel poco che seguo che Epolis abbia cambiato poco. Ma ci trovo sempre Greggi e Carlucci che un po' mi infastidiscono. DNews ha una prospettiva diversa e voglio vedere dove lo porta Antonio. Preciso che scrivevo per quel giornale e oggi scrivo su questo per l'amicizia che mi lega a Antonio, non sta a me dire se con merito o meno ma comunque è così da anni. Questo esclude che io collabori a Epolis, per motivi che non dipendono da me, nonostante me l'abbiano chiesto amici che sono rimasti in quel giornale. Penso che seguire Antonio, per quanto in modo saltuario e defilato come faccio io, sia una scelta "di campo". La faccio sostanzialmente gratis, nel bene e nel male, dunque mi sottraggo alle scie polemiche che si cerca di alimentare tra fronti un tempo uniti e oggi spezzati e frammentati. Non è roba che mi riguarda. Certo che scrivere gratis per Dell'Utri non mi sembrava il massimo. Scrivere per un amico, invece, mi sembra una bella cosa e continuerò a farlo. Poi spero che il bracciodestro non ci faccia lo scherzo d'infilarsi qua dentro. Al momento, non ne so niente. Né voglio saperne. Sorrido all'idea che chi pensava non fosse importante l'entrata di Dell'Utri in Epolis si affanni tanto a cercare di far sapere in giro che Dell'Utri non c'è più. Se non era un problema quando c'era, non lo è manco adesso. O forse il problema c'era? In ogni caso, in bocca al lupo a tutti: da quello che si legge per Epolis travagli e trasformazioni restano all'ordine del giorno. Da quel che leggo, almeno da qualche parte faranno come al Corriere dell'Umbria eccetera: testate indipendenti sotto un cappello principale. Purché si vada avanti, qualunque via è buona. In bocca al lupo.

pank ha detto...

(peppe, ovviamente tu eri finto, ma io ho fatto finta che fossi vero, così qualcuno poi è contento, neh)

http://statali.blogspot.com ha detto...

Estenuanti trattative tra governo e sindacati per ottenere aumenti di appena 30euro mensili in busta paga e intanto i prezzi lievitano!
Il rapporto dell'Ocse sul livello dei salari in Italia è l'ennesima conferma che siamo diventati un paese povero. Gli stipendi italiani sono tra i piu' bassi d’Europa!
Salari bassi, troppo bassi per far fronte ad un caro prezzi che cresce ogni giorno a dismisura: pane, pasta, latte, frutta e verdura tra un pò li troveremo in vendita non più nei supermercati, ma direttamente da Bulgari!
Rincari del tutto ingiustificati, dacchè le materie prime vengono pagate pochissimo, ma poi sul mercato i prodotti che ne derivano vanno alle stelle. Non si spiega, ad esempio, come alla stabilità, negli ultimi anni, dei prezzi del frumento, si sia arrivati a far pagare il pane 3 euro al chilo rispetto ai 50 centesimi di pochi mesi or sono! Per non parlare, poi, del caro bolletta!Benzina, gasolio, luce, gas: ormai è una continua gara al rialzo! Non se ne può davvero più!
Alcune categorie, quelle delle "buste paga", si sono sì impoverite, ma molte "altre", sull’onda dell’attuale congiuntura economica, si sono arricchite!
E’ giunto il momento di far sentire la nostra voce: contro l’aumento indiscriminato del costo della vita occorre difendersi, far sentire il peso e la forza dell’Esercito delle “buste paga”!

"NOI" NON POSSIAMO AUMENTARCI DA SOLI LO STIPENDIO!
"NOI" NON POSSIAMO REAGIRE AL CARO VITA AUMENTANDO LA RETRIBUZIONE DELLE NOSTRE PRESTAZIONI!
"NOI" NON POSSIAMO EVADERE IL FISCO!

Ma anche "Noi", però, nel nostro piccolo, possiamo e dobbiamo fare qualcosa:
LO SCIOPERO DELLA SPESA!
Uno sciopero fermo, costante, lento come una goccia d’acqua, ma capace di scavare anche la roccia più resistente!
Da questo spazio lanciamo un appello:
1.NON FACCIAMOCI MANCARE LE COSE ESSENZIALI!
2.RIDUCIAMO O TAGLIAMO ADDIRITTURA IL SUPERFLUO!
3.LIMITIAMO I CONSUMI DI UN MONDO CHE PRODUCE "TROPPA SPAZZATURA"!
4.E POI... CHIEDIAMO "SEMPRE" LO SCONTRINO!

>>>>> SOSTIENI ANCHE TU LA NOSTRA BATTAGLIA SU: http://statali.blogspot.com

Anonimo ha detto...

finto rispetto a che? lol fratello tu stai impicciato col cervello secondo me non te la prendere eh.... chiudili i commenti se stai cosi' imparanoiato.... lol non sai una mazza sulla storia che interessa a me e bastava leggere riga 1.... il resto sono cose risapute e menate che non t'ho chiesto e non mi interessano.
ciauuz peppe

pank ha detto...

ahahah, ciauz, che simpatico...
se non sai una mazza della storia come dici, come fai poi a dì che non ne so una mazza io? Salutm' a soret', peppì, statv' bbuò
lol, ma dimme te come state combinati...