11 maggio 2008

giallissimo

Il Siena sceglie la strada più giusta e più semplice, quella, cioè, sconosciuta all'Inter. Così gioca bene la partita, costruisce quello che può, realizza il suo frapponendosi senza animosità ma con decisione alle mire dell'Inter che non sa vincere la partita. Mille motivi intrecciati alla base: su tutti i soliti atteggiamenti stucchevoli di Materazzi. Il Parma è meno forte e meno in forma del Siena, ma l'Inter è capace di qualunque impresa, soprattutto quando si tratta di trovare un modo allucinante di perdere.
A complicare il quadro, la presenza di Cuper sulla panchina del Parma. Che è probabilmente una concausa della quasi certa retrocessione degli emiliani, che sarebbe la prima, da quando sono arrivati in serie A e che potrebbe quasi certamente non arrivare se il Parma vincesse contro l'Inter. Parma che negli ultimi turni è parso in cattive condizioni generali, con l'Inter che fisicamente sembra tenere bene. Sulla carta non ce n'è. Vediamo come va a finire, però

Nessun commento: