17 gennaio 2008

bilancio

La prima giornata da disoccupato è andata bene, tutto sommato.
Stamattina sono andato a recuperare le mie cose in ufficio. Ho salutato l'unica persona che se lo meritava e sono venuto via. Sono andato a prendere il caffè con mia moglie a San Gimignano. Abbiamo deciso che ci voleva un pranzo all'altezza, perciò ci siamo fermati al Lidl e abbiamo comprato un po' di schifezze radioattive, cevapcici, polpette dulano, un accrocco al presciutto eccetera. A casa, dopo pisolo, bloggamenti, riordini di carte, telefonate varie e attività volte al reinserimento nel mondo del lavoro, è arrivata l'ora della zuppa. Ho prodotto un ottimo prodotto, slurp, attaccato un pecorino stagionato che avevo in cantina, bruciato al fuoco un po' di cartoni col marchio del datore di lavoro, giurando vendetta. Nel frattempo la roma ha vinto, io ho finito di leggere ingrao, ho perso un paio di partite a literati e non ho sonno. Fuori piove a secchi. Adesso vado a leggere una roba pesante...

1 commento:

g ha detto...

sei libero di librarti come un insetto ora.
ti auguro di posarti sul fiore che più t'aggrada: buona vita.
Giuseppe